Come devo fare il menù allergeni ristorante?

Come devo fare il menù allergeni ristorante?

Il nuovo Regolamento n. 1169/2011/EU è entrato in vigore il 13 Dicembre 2014   sulle diciture da riportare su etichette, menù, listini ecc.

Tutti gli alimenti immessi o etichettati PRIMA del 13 Dicembre 2014, potranno essere commercializzati sino ad esaurimento delle scorte.

Quindi tranquillo se hai giacenze in magazzino.

Abbiamo organizzato il SECONDO CONVEGNO GRATUITO, che si è tenuto il 16 Gennaio.

Il Convegno era rivolto ai Datori di Lavoro / Responsabili di attività alimentari e al loro staff.

Il programma è stato così svolto :

Nuovo Regolamento 1169/11 in materia di etichettatura e nuovi menù allergeni, gli allergeni alimentari, elenco allergeni e tabella allergeni da esporre.

Per farla semplice e comprensibile il nuovo regolamento impone l’obbligo relativamente agli alimenti venduti sfusi (intendo tutti i prodotti somministrati nei pubblici esercizi RISTORANTI, PIZZERIE, GASTRONOMIE, PANETTERIE, BAR, GELATERIE, ECC), dell’apposizione di un menu allergeni con le seguenti indicazioni (elenco i più significativi):

– la denominazione di vendita (nome prodotto, es. spaghetto allo scoglio, ecc.;

– l’elenco dettagliato ingredienti;

– la presenza di allergeni;

Hai deciso come metterti in regola?


L’elenco degli ingredienti allergizzanti (Allergeni) deve essere riportato su un apposito cartello, menu in bella vista a disposizione di chi acquista.

Di seguito i 14 allergeni (ALLERGENI ALIMENTARI) che potenzialmente possono provocare allergie e intolleranze, questa lista deve essere affiancata al menu sopra citato:

1)    cereali contenenti glutine come grano, segale, orzo avena, farro, kamut e i loro ceppi derivati e i prodotti derivati;

2)    crostacei e prodotti a base di crostacei;

3)    uova e prodotti a base di uova;

4)    pesce e prodotti a base di pesce;

5)    arachidi prodotti a base di arachidi;

6)    soia e prodotti a base di soia;

7)    latte prodotti a base di latte (incluso lattosio);

8)    frutta a guscio come mandorle, nocciole, noci, pistacchi e i loro prodotti;

9)    sedano e prodotti a base di sedano;

10)   senape e prodotti a base di senape;

11)    semi di sesamo e prodotti a base di semi di sesamo;

12)   anidride solforosa e solfiti in concentrazioni superiori a 10 mg;

13)   lupini e prodotti a base di lupini;

14)   molluschi e prodotti a base di molluschi.

Relativamente agli alimenti preconfezionati (es. il panettone venduto in pasticceria) invece, le indicazioni minime obbligatorie per il nuovo regolamento sono:

a) la denominazione dell’alimento;

b) l’elenco degli ingredienti;

c) gli eventuali allergeni presenti nel prodotto finito;

d) la quantità di alcuni ingredienti;

e) la data di scadenza;

g) le condizioni di conservazione e/o le condizioni d’impiego (es. Conservare in frigo dopo l’apertura della confezione);

h) il nome o la ragione sociale e l’indirizzo del produttore;

i) il Paese d’origine o il luogo di provenienza;

j) le istruzioni per l’uso, per i casi in cui la loro omissione renderebbe difficile un uso adeguato dell’alimento;

k) il titolo alcolometrico volumico effettivo per le bevande che contengono più di 1,2 % di alcol in volume;

l) una dichiarazione nutrizionale e altre eventuali indicazioni obbligatorie per determinate tipologie di prodotti alimentari definiti in altre disposizioni normative.

Potrebbero interessarti anche questi argomenti:

Come comunicare gli allergeni alimentari

Allergeni quali sono i metodi per fornire informazioni ai propri clienti e come scegliere il più adatto alla propria azienda alimentare

Chi e obbligato a esporre gli allergeni alimentari

Lista allergeni PDF

Spero di aver risposto al quesito: “Come devo fare il menù allergeni ristorante?” per qualunque dubbio o domanda non esitare a scrivermi qui sotto 😉.

Lascia un commento