Quanto dura l’attestato HACCP e cosa fare per rinnovarlo

attestato haccp durata e scadenze

Tutti gli imprenditori HO.RE.CA e ogni azienda operante nel settore alimentare deve regolamentarsi obbligatoriamente con la certificazione HACCP. Tuttavia l’attestato haccp ha una sua validità, vediamo insieme durata e scadenze.

Durata e scadenze dell’attestato HACCP

Ogni lavoratore che opera nel settore alimentare deve conoscere quali sono le norme e gli aspetti relative all’igiene e la sicurezza degli alimenti. Tutto ciò perchè lo scopo del documento è proprio quello di conoscere ogni aspetto utile a garantire la sicurezza e la salute alimentare di ogni consumatore.

Quanto detto rientra nella tematica in materia di HACCP e sicurezza alimentare dovrà essere appreso seguendo dei corsi di formazione. In questo modo tutti gli operatori e i lavoratori potranno attestare di possedere la reale conoscenza delle materie trattate.

Il programma formativo è improntato sulla conoscenza delle norme igieniche da rispettare per la produzione e distribuzione degli alimenti. Tra i principali argomenti possiamo citare:

  • la tipologia di abbigliamento idoneo da usare,
  • lo stato di salute di ogni dipendente,
  • quali sono i batteri e i virus che possono alterare i cibi e gli alimenti,
  • le misure da adottare per un corretto stato di conservazione degli alimenti,
  • le procedure di pulizia e igienizzazione dei locali e della strumentazione.

Le certificazioni HACCP scadono e necessitano di aggiornamenti. Inoltre il loro rinnovo è obbligatorio. In questo modo si potrà evitare di compromettere la salute dei consumatori oltre che evitare di ricevere rigide sanzioni. Nei casi più gravi, queste ultime possono portare perfino alla sospensione o alla chiusura dell’attività stessa.   

Attestato HACCP, durata e scadenza variabile in base alle regioni di appartenenza

Il documento HACCP ha una scadenza e una validità che varia in base alle regioni. In Lombardia, Trentino Alto Adige, Veneto dura 2 anni. Così come in Friuli Venezia Giulia, la Basilicata e la Sardegna.

Per quanto riguarda l’Emilia Romagna, la Campania, il Piemonte, l’Abruzzo, la Calabria, le Marche, la Sicilia, l’Umbria e la Valle d’Aosta, l’attestato haccp è valido 3 anni. In Liguria e Puglia 4 anni. In Molise e in Toscana la validità è di 5 anni.

Quali categorie di aziende dovranno iscriversi al corso HACCP

Il decreto legislativo numero 193/07 indica quali aziende devono iscriversi al corso per ottenere la certificazione Haccp. Fra tutte indichiamo quelle che svolgono attività di:

  • produzione di alimenti;
  • trasformazione;
  • confezionamento;
  • deposito;
  • trasporto;
  • distribuzione;
  • preparazione;
  • manipolazione;
  • vendita;
  • somministrazione.

È possibile iscriversi a un corso di formazione on-line che rispetti le modalità stabilite dalla normativa. Vuoi ottenere maggiori informazioni sulla durata e sulla validità dell’attestato haccp? Allora devi cliccare qui

Iscrizione al corso e rilascio attestato HACCP on-line

In questo articolo abbiamo affrontato il tema della certificazione HACCP. Inoltre abbiamo spiegato le scadenze dell’attestato. Infatti ti ricordiamo che si tratta di una formazione obbligatoria. Dovrai perciò essere in possesso di una certificazione che dimostri la reale preparazione sulla sicurezza e l’igiene alimentare.

Il rinnovo di ogni certificazione dovrà essere effettuato tramite la partecipazione di un corso di formazione abilitante. Per questo motivo se vuoi fare o aggiornare il tuo attestato haccp, clicca qui. Scarica GRATIS le 4 Lezioni sul CORSO HACCP ONLINE.

Lascia un commento